Il Tour dei laghi del Piora

Da Roberto Alberio

October 10, 2018
"

Leggi di più

Descrizione:

Ti troverai immerso in uno dei paesaggi più incantevoli e immacolati di tutto il Ticino. E scoprirai perché lo chiamano il paradiso degli specchi d’acqua alpini. Il sentiero dei laghi della Val Piora sa come sorprendere il visitatore. E a te farà lo stesso effetto. Passeggiando scoprirai l’Alpe di Piora, una zona che regala paesaggi da togliere il fiato.

Fonte Leventina turismo.

Laghi di Cadagno e Ritom

La magia del silenzio, la fatica fisica, il ritmo e molti altri fattori, fanno riscoprire nella natura un interlocutore che, passo dopo passo, diventa guida interiore e aiuta a ritrovare se stessi.

Rispecchiarsi con la propria fragilità e scoprire potenzialità ancora nascoste sono solo alcune delle sorprese che si incontrano in montagna

Itinerario:

La partenza e l’arrivo sono previste dalla capanna Cadagno 1986 m.s.m

Seguendo un percorso circolare marcato da un sentiero bianco e rosso e bianco e blu s’incontrano i seguenti laghi:

Lago di Dentro 2298 msm

Laghi della Miniera 2525 msm

 

Lago di Stabio 2299 msm

Lago Scuro 2451 msm

Laghi Taneda 2304 msm – Tom 2021 msm – Ritom 1850 msm

Lago di Cadagno 1923 m.s.m

Dati tecnici dell’escursione:

 

Altitudine massima:

Bocchetta della Miniera / Passo dei Corandoni 2542 m

Difficoltà:

T3 – Sentiero bianco e blu – salita ai laghi della Miniera

Per il resto del percorso classificati in T1 e T2

Requisiti:

Passo fermo e buona condizione fisica

Tempo di marcia:

6h soste escluse

Periodo ideale:

Luglio, agosto e settembre

 

Specifiche:

Persona di riferimento

Roberto Alberio, titolare di Corda Tesa

Sentiero dei Castagni 18 b

6992 Viganello

+41 79 220 0891

roberto.alberio@bluewin.ch

www.cordatesa.ch

 

Materiale personale:

Agevolato dalla Mammut by Balmelli

 

Ogni partecipante dovrà portare:

un abbigliamento adatto per un escursione in alta montagna; indumenti caldi; indumenti impermeabili e antivento; biancheria intima di ricambio; materiale per l’igiene personale; scarponi e calzettoni da montagna; copri capo, occhiali e crema da sole; pila frontale; sacco letto (lenzuolo); farmacia personale; almeno una borraccia da 1L piena; sussistenza intermedia; il tutto dovrà essere riposto in uno zaino da montagna;

 

CONSIGLI PRATICI:

Alimentazione & idratazione:

Sussistenza intermedia da consumare sul percorso

1.L di bevande

Abbigliamento & attrezzatura:

Utilizzate unicamente scarponi profilati;

lo zaino da montagna deve avere schienale, spallacci e cinturone imbottito; avere il cinturone significa poter stringere a se lo zaino all’altezza della vita, distribuendo meglio il peso sulla schiena;

utilizzate t-shirt traspiranti, non le polo che, sudate, diventano “pesanti” e non asciugano;

l’impiego di bastoncini telescopici aiuta il cammino, alleggerendo così il carico sulle proprie ginocchia.

 

Val di Cadlimo